Now Reading
Duccio Cresci, contaminazioni fiorentine

Duccio Cresci, contaminazioni fiorentine

Avatar
+7
View Gallery

Le “Botteghe”, si sono sempre chiamate così, fino dal Rinascimento, rappresentavano una vera e propria ‘impresa’ dove l’artista, il maestro artigiano passava agli allievi i segreti del suo sapere.

Proprio nella culla del Rinascimento, a Firenze e in Duccio Cresci, giovane imprenditore fiorentino, possiamo ritrovare la magia di quelle botteghe, raffinati negozi che conservano quell’intelligenza del fare, la passione e quell’attitudine alla realizzazione del nuovo che ancora oggi caratterizza i creativi contemporanei nelle loro attività. E oggi quella stessa passione è stata riletta in chiave contemporanea da Duccio Cresci, esperto di marketing olfattivo, che ha creato la sua Bottega Experimenta.

Experimenta, il trattato scritto da Caterina dè Medici, figlia di Lorenzo, alla quale Duccio si ispira nell’utilizzo di alcune ricette, ritrovate, e diventate in seguito il primo trattato di cultura della cosmesi,

nato a Firenze e portato successivamente in Francia dopo il matrimonio con Enrico II, oltre ad un enorme bagaglio di ricette, il giglio fiorentino, il lusso, l’olio, i profumi, il modo di montare all’amazzone, l’uso della forchetta e la divisione dei cibi tra dolci e salati.

Figlio d’arte, quella di Duccio Cresci è sempre stata una vera e propria passione verso i prodotti “antichi”, è nata così in lui l’idea di creare un negozio – Experimenta – dove poter far conoscere e apprezzare direttamente le sue creazioni al pubblico. Un progetto educativo quello di Duccio Cresci, dunque valorizzare conferendo  nobiltà agli antichi mestieri, al lavoro manuale, come accadeva un tempo nelle botteghe medievali.

Camminando nel cuore del centro storico, dopo aver attraversato le centralissime Via Calzaioli e Via del Corso entriamo all’interno di una torre del trecento in Via dello Studio, una piccola strada intima e riservata da cui godiamo la vista strepitosa del Duomo. Tante persone che camminano e si soffermano alle vetrine dei negozi, quasi rapite da quell’atmosfera che profuma di passato, incorniciata in un’antica porta di legno, troviamo la Bottega di Experimenta.

Curata in ogni minimo dettaglio, il bianco dei mobili decapati, fa risaltare tutti i colori delle confezioni in cui sono incastonati i preziosi saponi. C’è armonia, equilibrio e voglia di perdersi nella composizione dei prodotti, sembra quasi un paese incantato che va dalle creme per il corpo, alle fragranze al marmo che profumano gli interni, i prodotti schiuma, ecosostenibili, saponi e dentifrici in pasticche per un viaggiatore in giro per il mondo, ai saponi dalla fragranza al legno di sandalo fatti con pigmenti di legno, sapone artigianale toscano  all’olio d’oliva extravergine, agli shampoo e balsamo biologici, alle preziose confezioni dei saponi antichi.

Duccio  si avvale anche della bravura di diversi artigiani, cerca e trova altre motivazioni, altre mani esperte, che collimano con le sue,  creando oggetti unici…. il ferro per lumi particolarissimi che caratterizzano e illuminano il locale, i tessuti con cui confeziona i beauty case, i porta saponi su misura, ogni pezzo è unico.

Le saponette sono racchiuse in stoffe pregiate, che sprigionano fragranze di Violetta, Iris di Firenze, Muschio rosa, frutta e verdura, alimenti commestibili, un orologio che, magicamente, ha note rock e si trasforma in un accessorio romantico alternando il cinturino, le immagini sulle scatole dei saponi raccontano di un mondo delicato, fatto di poesia, bocci  di rose, ricordi delle copertine dei quaderni che i ragazzi di oggi non conoscono, un moderno e attuale concerto “l’esprit du temps”, interpretato ed elaborato “artisticamente”, vere opere d’arte, che dalla memoria.

Non è infatti solo l’olfatto ad essere catturato dalla bottega Experimenta,  anche l’occhio, lo sguardo viene attratto dalla meraviglia delle scatole dei saponi, dalla collezione unica delle fragranze per ambiente fatte dal marmo, o per chi preferisce note più fresche le fragranze al vino.

E si ferma il turista che passa in cerca delle grandi firme italiane, si ferma il gentiluomo per i beauty raffinatissimi, il dandy francese entra nella bottega rapito dall’ unicità dei saponi finissimi, le signore che colgono cercano la qualità vera del Biologico nei prodotti  esposti.

Bottega Experimenta piena di colori e fragranze, parla davvero dell’artigianato di una volta, tutto in perfetto ordine, armonioso, una “bottega” insolita e preziosa nel pieno centro della città, come un gioiello raro incastonato tra le grandi firme.

Ogni volta che Duccio realizza un nuovo oggetto, una fragranza, un sapone, una colonia, in questi  tempi di tecnologia inarrestabile, essa è sempre espressione del suo “genio umanistico” in quanto restituisce nobiltà agli antichi mestieri e al lavoro “fatto con le mani”.

Sembra di entrare in un piccolo mondo antico, in cui  Duccio è riuscito a valorizzare un artigianato che sa fondersi con l’arte del passato, arricchendolo di passione e innovazione per offrire prodotti  pregiatissimi non solo da un punto di vista estetico ma anche di qualità. La Bottega Experimenta, un locale pieno di luce e di allegria che racconta la storia e le passioni di Duccio Cresci.

EXPERIMENTA

Via dello Studio

Testo: Cristina Vannuzzi

What's Your Reaction?
Excited
2
Happy
0
In Love
0
View Comments (0)

Leave a Reply

© 2019 Wonderyou International Magazine - Tutti i diritti riservati. | Privacy | Concept & Design Luca Di Carlo

Scroll To Top
Translate »
error: Contenuto Protetto!!